Serie B Uisp... i responsabili dicono la sua peruna eventuale ripresa

La serie cadeta si è fermata il 26 febbraio con la disputa della quarta di ritorno, imporponibile sapere a quando e se si ritornerà in campo abbiamo chiesto ai responsabile delle società come vedrebbere una eventuale soluzione per concludere la stagioen sportiva 2019-2020. 

Gabriele Orsi (Antisquadra). Voglia di giocare tanta, ripartire n sicurezza che sia giugno o luglio con le gare di coppa e d anticipare l’inizio della prossima stagione a settembre.

Ernesto Toto (Bayer Versilia). In questi giorni ho provato mi sono sentito con i miei ragazzi pensare ad una ripresa del campionato o la disputa di un torneo è una cosa che non riesco a pensare minimamente. Il calcio è divertimento… arrabbiatura..in questo momento così tragico ritornare in campo è assurdo e impensabile.

Andrea Becagli (Bellariviera). Una volta rientrata l’emergenza, rientrare in campo darebbe un segno di ripartenza da punto di vista morale e mentale. Concludere il campionato e anticipare a fine settembre la prossima stagione.

Massimo Callegaro (Bisteccheria Il Vaticano). Stagione sportiva conclusa eventualmente, anche se la cosa la vedo molto difficile, disputare la fase finale della coppa.

Graziano Rizzo (C.L. Imballaggi). Dal momento che prevedo un’estate in tono minore per quello che è capitato giocare, le gare che mancano per la fine del campionato, fra giugno e luglio è un idea più che allettante. Le coppe le riprenderei a settembre.

Manuel Garfagnini (Deportivo La Cotenna). Ripartire a giugno per completare il campionato con gare infrasettimanali in notturna. Le coppe rinviarle a settembre e un eventuale sconto da parte dell’Uisp qualora non ci sia la ripresa, per le gare non disputate, per il prossimo anno.

Diego Pelucchini (Ipersoap). Se vi fosse un ritorno alla normalità i tesserati sono più interessati a riprendere il lavoro che scendere in campo con il forte rischio di farsi male. Opto per un inizio di stagione anticipato e un diversa organizzazione del campionato da parte dell’Uisp.

Edoardo Tinghi (la Madia). Se vi sarà ripartenza giocare la coppa Baglini e trofeo Bertacca tanto per dare un segnale che la vita prosegue nonostante una ferita che lascerà senza dubbio un segno importante su di noi.

Gianluca Bertolucci (M.B. Team). Se tutto tornerà alla pseudo-normalità giocare la coppa Baglini e il torneo Bertacca mentre per il campionato è molto meglio parlarne il prossimo anno.

Marco Biancalana (M.S.A. Viareggio). Stagione sportiva 2019-2020 chiusa e anticipare la prossima con la fase finale delle due coppe, Baglini e Bertacca.

Fabrizio Perrucci (Orange). Sarebbe un’ottima idea riprendere in piena estate con partite programmate infrasettimanalmente e completare così sia campionato che coppe.

Fabio Canini (Piano di Conca). Essendo un campionato amatoriale e se dovesse tornare tutto alla normalità (cosa che personalmente non credo) vi sono altre priorità come il lavoro, quindi a parer mio meglio chiudere il tutto e rivedersi con una nuova mentalità a fine settembre.

Marco Lazurdi (Piano Mommio Manu). Lo sport in questi momenti passa in secondo piano, non credo che l’Uisp come altre federazioni decida di riprendere campionati e tornei facciamo passare tutto e il prossimo anno saremo più carichi per affrontare una nuova stagione.

Dario Vannucci (Pizzeria Il Pachino). Dopo quello che stiamo provando a giugno sarebbe una bella idea ritornare a dare due calci al pallone continuando con il campionato tralasciando la coppa che riprenderemo a settembre.

Stefano Valenzi (Pizzeria La Rotonda). Giugno..Luglio…Agosto… completare campionato e coppa è importante ritrovarsi e dare un segno di risveglio dopo mesi tristi in tutto nelle condizione di estrema sicurezza.

Marco Iori (Punto Diesel). Giugno in notturno è la scelta migliore ritrovarci, giocare e finalmente abbracciarci con la disputa delle ultime gare di campionato. Anticipare la stagione prossima a fine settembre con la fase finale della coppa.

Riccardo Santini (Ristorante Da Miro). La mia squadra ha mandato una email all’Uisp dicendo che per quanto concerne una eventuale ripresa delle attività la nostra squadra non sarà presente quindi se ne riparlerà il prossimo anno.

Jerri Lucarini (Tonfano Calcio). Nella maniera assoluta il campionato è terminato il 24 febbraio con la disputa della quarta di ritorno. Rimettersi le scarpette e scendere in campo è una faticale mentale e fisica che in pochi riuscirebbero a fare.

Mauro Casanova (Verniciature Casanova). Terminare campionato disputando soltanto i playoff tenendo conto dell’attuale classifica. Se non riprenderemo iniziare a ottobre da dove abbiamo sospeso in caso di annullamento l’Uisp dovrà tenere conto della tassa di iscrizione, affiliazione e cartellini che ogni società avrà versato.

Dino Bacci (Segretario Uisp). Come associazione noi rispettiamo le decisione del Uisp nazionale sul proseguimento o meno delle attività sportive. Personalmente vedo molto difficile rimettere tutto in ordine a livello di sicurezza, questo maledetto virus ha lasciato e lascerà un segno indelebile in tutti noi quindi passiamo questa estate in riflessione e attenzione su ciò che è accaduto per poi ricominciare con entusiasmo la prossima stagione sportiva

Di tiziano brunelli